RecensioniRecensioni cuffie

Fnatic REACT+ • Recensione cuffie Surround 7.1

Fnatic-REACT+-Recensione-cuffie-Surround-7.1

Amici e lettori di MiglioriPc.it oggi abbiamo il piacere di presentare le Fnatic REACT+: delle cuffie con una storia ormai ben delineata nel proprio settore di appartenenza!

Gli interrogativi circa questo modello di headset da gaming sono molteplici, ma soprattutto incentrati sulla differenza con il modello inferiore (le REACT standard).

Approfondiremo ulteriormente ogni quesito in questa dettagliata ed approfondita recensione.

Recensione Fnatic REACT+ • La versione Plus, è davvero plus?

E’ indubbio come le Fnatic REACT costituiscano un assoluto punto di riferimento per gamers ed appassionati di ogni genere. Ma non è del modello base che dobbiamo parlare, bensì della versione plus.

Questi due headset hanno prezzi evidentemente differenti. Con un’oscillazione tra un prodotto e l’altro che è di circa una trentina di euro.

Perciò, dando per assunto che il modello base sia un assoluto best-buy, vediamo cosa ha in più da offrire la versione plus:

  • supporto al Virtual Surround 7.1
  • scheda audio USB

Recensione Fnatic REACT+ • Contenuto confezione

Recensione-Fnatic-REACT+-Contenuto-confezione

All’interno della confezione troviamo chiaramente tutta la cavetteria per connettere l’headset al pc quindi:

  • Splitter del jack da 3,5mm
  • Scheda audio USB
  • Microfono
  • Padiglioni di riserva in tessuto

Ovviamente sono presenti i classici manuali d’istruzioni oltre ad un package ben curato e di aspetto considerevolmente interessante.

Recensione Fnatic REACT+ • Specifiche tecniche

Recensione-Fnatic-REACT+-Specifiche-tecniche

Abbiamo già anticipato qualcosa circa le specifiche tecniche, o per meglio dire, le funzionalità in più che sono messe a disposizione nella versione plus delle REACT.

Il Virtual surround è disponibile ed attivabile tramite scheda audio USB, che dev’essere correttamente connessa al jack da 3,5mm.

Il driver audio da 53mm rimane esattamente il medesimo del modello base, come anche il microfono in dotazione.

A seguire alcune specifiche tecniche più dettagliate sul modello in esame:

Risposta in frequenza20Hz-40kHz
Impedenza23 Ohm
Tipologia padiglioneOver ear
Lunghezza cavo1.2m + 1.6m con estensione USB
Peso840 grammi
Garanzia2 anni
Specifiche tecniche Fnatic REACT plus

Fnatic assicura inoltre la compatibilità con le console, ma non per il Virtual Surround 7.1 che rimane un’esclusiva per PC.

Recensione Fnatic REACT+ • Design, materiali e comodità

Recensione-Fnatic-REACT+-Design,-materiali-e-comodità

Da un punto di vista prettamente di materiali e comodità non mi era mai capitato di avere a che fare con un modello di cuffie da gaming entry level di tale qualità.

Sia il modello base che la versione plus in esame, che appunto differiscono per la tecnologia del Virtual Surround 7.1, sono costruiti in maniera solida e robusta.

I materiali utilizzati sono di qualità e il feedback che restituiscono è quello di un prodotto di fascia alta.

Ricordiamoci sempre invece che abbiamo a che fare con cuffie da gaming dal costo di appena 65 euro nella versione standard e 100 euro nella versione plus.

I padiglioni forniti in confezione sono estremamente comodi e qualora lo si preferisse c’è la possibilità di utilizzare quelli in tessuto: anche loro compresi nell’acquisto.

Assolutamente positivo perciò il verdetto della qualità costruttiva e della comodità.

Recensione Fnatic REACT+ • Qualità del suono e del microfono

Recensione-Fnatic-REACT+-Qualità-del-suono-e-del-microfono

La qualità del suono è il punto forte di queste cuffie, che hanno una resa senza precedenti nella loro fascia di prezzo (prendendo come riferimento la modalità stereo).

Come d’altronde in ogni recensione di cuffie con Virtual Surround, purtroppo, siamo soliti sconsigliare l’utilizzo di queste tecnologie che rendono l’audio artificioso e poco limpido; distante dalla realtà.

I drivers audio fanno un lavoro impeccabile se utilizzati in modalità stereo e pertanto queste cuffie rappresentano una scelta assolutamente valida. Le cuffie sono ben tarate, abbastanza neutre e non sbilanciate come le più scadenti cuffie da gioco.

Tuttavia ci sentiamo di consigliare la versione di base piuttosto che le REACT+ esattamente perché il Virtual Surround 7.1 non costituisce alcun vantaggio reale né per giocatori né per chi intende avere delle cuffie equilibrate e ben bilanciate.

Sebbene l’implementazione del Dolby Surround sia tra le più positive viste tra i vari modelli delle migliori cuffie da gaming in commercio, la nostro politica continua a suggerire ai lettori di non utilizzare queste modalità audio, che si riducono a fumo negli occhi per gli acquirenti. Fondamentalmente marketing.

Nessun video-giocatore professionista utilizza attivamente il 7.1 per giocare online, né tantomeno lo farebbe un audiofilo intento a gustare i suoi film o la sua libreria audio.

Anche la qualità del microfono è ottima in relazione al prezzo delle cuffie.

Recensione Fnatic REACT+ • Valgono i 30 euro in più delle REACT?

Il nostro verdetto per le Fnatic REACT+ è sostanzialmente positivo. Tuttavia queste cuffie soffrono l’asfissiante concorrenza del modello base che possiede la stessa struttura audio e mette a disposizione una qualità stereo identica. Il tutto ad un prezzo inferiore di 30 euro circa.

Sarebbe stato più sensato creare delle REACT+ dotate di tecnologia wireless. Una soluzione simile avrebbe accolto favorevolmente sia il parere dei recensori che dell’utente finale, ed avrebbe inoltre dato possibilità di scelta tra due esemplari con differenze più marcate.

In questo caso tuttavia, non possiamo non consigliare l’acquisto della versione base delle Fnatic REACT, che sono sostanzialmente le stesse cuffie dell’articolo oggetto d’esame che abbiamo visto insieme.

Luca Storia

Luca Storia è un professionista a tutto tondo, Co-Founder di MiglioriPc.it, al quale si dedica a tempo pieno da ormai diversi anni. Oltre a dirigere il programma editoriale dell'intera redazione è anche abile nelle pubbliche relazioni ed è uno specialista della Search Engine Optimization (SEO). Si destreggia anche magistralmente nella creazione di contenuti grazie alle sua preparazione in fotografia, grafica tradizionale o vettoriale e video-making.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button