Recensioni

HyperX Predator DDR4 RGB 3600 Mhz • Recensione memorie RAM da gaming

Le HyperX Predator sono ormai ben conosciute all’interno del panorama Hardware & Gaming a livello planetario.

HyperX, il marchio di proprietà di Kingston non smette mai di stupire con prodotti sempre all’altezza delle aspettative e di ottima fattura.

Oggi andremo a scoprire più nel dettaglio cosa hanno da offrire le HyperX Predator DDR4 RGB da 3600 Mhz.

Queste memorie RAM DDR4 da gaming RGB sono infatti un punto di riferimento sia per overclockers esperti che per gamers incalliti.

HyperX Predator DDR4 RGB 3600 Mhz • Specifiche tecniche

Il sample fornitoci da HyperX per la recensione porta il seguente numero di modello: HX436C17PB4AK2/16.

Il kit è quindi un 8 x 2 GB dalla velocità di frequenza di 3600 Mhz, per un totale perciò di 16 GB utilizzabili in dual channel.

Il kit possiede di fabbrica un timing di latenza CL17.

Di seguito puoi trovare davvero tutte le informazioni stock relative a questo modello di memoria.

hyperx-predator-3600-mhz-ddr4-specifiche-tecniche
Tutte le specifiche tecniche delle memorie RAM DDR4 HyperX Predator estrapolate da Thaiphoon Burner (software specifico).

Le memorie HyperX Predator sono basate su Chip B-die Samsung che sappiamo siano tra i più richiesti ed i migliori nel mercato delle memorie.

Abbiamo testato le RAM su diverse applicazioni sia con le frequenze stock che con del semplice overclock applicato con qualche ritocco.

Nei prossimi paragrafi potremo anche approfondire il punto di vista prestazionale.

Il kit di memorie RAM HyperX PREDATOR è dotato di un dissipatore passivo non low profile. Quindi leggermente più alto rispetto gli altri prodotti che si trovano in commercio mediamente di questi tempi.

Una delle caratteristiche principali delle PREDATOR è l’RGB controllabile tramite software di cui esse sono dotate (NGENUITY).

L’impostazione RGB è altrimenti controllabile pure da software di terze parti che siano compatibili con le HyperX tra cui quelli dei principali produttori di schede madri come MSI, ASUS, Gigabyte e via dicendo.

HyperX Predator DDR4 RGB 3600 Mhz • Test a frequenze stock

I primi test che abbiamo effettuato sulle memorie sono quelli chiaramente con le frequenze di fabbrica (stock).

Il programma utilizzato per effettuare i benchmarks è AIDA64 Extreme, mentre la configurazione di test monta un Ryzen 7 3700X ed una MSI X570 MEG UNIFY.

I test svolti su AIDA64 Extreme mettono in evidenza 4 valori principali di bandwitdth delle memorie: velocità in MB/s di lettura, scrittura, copia ed infine latenza (misurata invece in nanosecondi).

Tutti i test sono stati effettuati senza alcun ulteriore overclock sulla CPU la quale anch’essa è in funzionamento alle frequenze di base e turbo di fabbrica.

I risultati delle memorie a frequenze stock sono riscontrabili tramite la galleria fotografica a precedere.

Nel prossimo paragrafo potremo quindi invece confrontare quali siano i risultati di un leggero overclock sulle memorie RAM DDR4 e le differenze prestazionali che queste hanno rispetto alle frequenze di fabbrica.

Non perdiamoci quindi in ulteriori chiacchiere ed andiamo a vedere insieme quali sono i risultati dei test condotti con queste memorie HyperX!

HyperX Predator DDR4 RGB 3600 Mhz • Overclock & Comparison

All’interno di questa sezione potrai scoprire diverse cose: che frequenze abbiamo raggiunto con l‘overlock e come queste memorie RAM si comportino rispetto a delle memorie di un diretto competitor a livello prestazionale.

Iniziamo subito con l’overclock: questo è stato condotto senza particolari problematiche riuscendo anche a mantenere dei voltaggi piuttosto contenuti e sicuri.

Abbiamo applicato diverse tipologie di overclock alle memorie: nel primo caso abbiamo leggermente alzato la frequenza abbassando per quanto possibile i timings.

Nel secondo caso abbiamo invece spinto le memorie RAM DDR4 ad una frequenza di nostro interesse: 4400Mhz.

HyperX-Predator-DDR4-RGB-3600-Mhz-Overclock-Comparison

Raggiunti in maniera piuttosto semplice con appena 1.40V di tensione: questi parametri si sono dimostrati stabili fin da subito dopo degli stress test anche abbastanza gravosi.

Non abbiamo ritenuto necessario provare ad alzare ulteriormente le frequenze oltre questa soglia.

Trattandosi inoltre nel nostro caso di una test bench con processore AMD i vantaggi di un overclock sulle memorie RAM sono piuttosto marginali.

Di seguito potrai confrontare quali siano i risultati dei test condotti su AIDA 64 Extreme con i due profili di overclock ed in più con un ulteriore prodotto di una azienda terza.

Il primo grafico presenta i risultati del benchmark effettuato con XMP attivo e frequenze stock, i successivi due rispecchiano due profili di overclock diversi mentre l’ultimo è un benchmark effettuato su memorie di un’azienda esterna competitor.

Per riuscire ad ottenere qualche vantaggio in overclock su piattaforma AMD è stato necessario raggiungere quindi i 4400Mhz mentre invece il semplice overclock dei timings sembra non aver portato grandi vantaggi dal punto di vista prestazionale.

Ricordiamo che un overclock sulle RAM non porta mai grandi vantaggi prestazionali su piattaforme del brand rosso a meno che non si abbia a che fare con processori di fascia più bassa come le APU che danno invece del loro meglio proprio con memorie RAM a frequenza più elevata.

Se non altro c’è da rimanere soddisfatti del fatto che per portare queste memorie a 4400Mhz ci sono voluti davvero appena 5 minuti e lo si è potuto fare mantenendo un voltaggio davvero basso e sicuro.

Per poi stressare le memorie e testarne la stabilità abbiamo utilizzato nuovamente AIDA 64 Extreme insieme ad OCCT per un buon periodo di tempo e non abbiamo riscontrato alcun Hardware failure.

Siamo piuttosto certi che l’overclock su questi banchi sia agevolato dal B-die Samsung che esse montano.

HyperX-Predator-DDR4-RGB-3600-Mhz-Overclock

Per quanto riguarda invece le prestazioni in Gaming? Cos’è successo prima e dopo l’overclock?

Dopo diversi benchmarks su Heaven di UNIGINE abbiamo riscontrato che a 4400Mhz si otteneva un discreto aumento delle prestazioni esclusivamente riguardo gli FPS minimi generati che sono aumentati in buona dose.

Niente da fare invece per il picco di FPS che rimaneva invece sempre stazionario sulla stessa soglia.

HyperX Predator DDR4 RGB 3600 Mhz • Conclusione

Cosa dire di questi banchi di ram HyperX Predator?

Purtroppo queste memorie RAM hanno un costo mediamente più alto rispetto quello della concorrenza.

Questo è un fattore da tenere in considerazione: nonostante infatti montino i Samsung B-die questi possono tornare utili solamente a chi fa overclock e non ai tradizionali videogiocatori.

HyperX-Predator-DDR4-RGB-3600-M

E’ consigliabile quindi acquistare queste memorie DDR4 per configurazioni ove si voglia spingere con l’overclock sia la CPU che le RAM e mediamente questo potrebbe avere più senso su configurazioni Intel piuttosto che su configurazioni AMD.

Le memorie hanno poi un ottimo look con degli RGB che lasciano sicuramente il loro segno nel tessuto complessivo dell’opera.

Peccato solamente per il prezzo leggermente fuori mercato.

Luca Storia

Luca Storia è un professionista a tutto tondo, Co-Founder di MiglioriPc.it, al quale si dedica a tempo pieno da ormai diversi anni. Oltre a dirigere il programma editoriale dell'intera redazione è anche abile nelle pubbliche relazioni ed è uno specialista della Search Engine Optimization (SEO). Si destreggia anche magistralmente nella creazione di contenuti grazie alle sua preparazione in fotografia, grafica tradizionale o vettoriale e video-making.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button