Recensione Gamdias Astrape M1-750W • Alimentatore RGB 80 plus Bronze

recensione ASTRAPE-M1-750W-GAMDIASOggi abbiamo in esame un alimentatore della GAMDIAS, marca emergente dall’ottimo potenziale.

Il modello in questione è l’Astrape M1 nella sua versione da 750W con efficienza 80 plus bronze.

Non ci resta quindi che inoltrarci nel vivo di questa recensione. Ti invito qualora volessi approfondire ulteriormente a prendere visione della nostra video recensione dell’alimentatore Gamdias pubblicata sul nostro canale Youtube!

 

 

Di seguito puoi trovare l’indice per navigare liberamente e fluentemente nell’articolo

 

Recensione Gamdias Astrape M1-750W • Introduzione

recensione Gamdias-Astrape-M1-750W

Gamdias è una marca non molto conosciuta specialmente in Italia.

Si tratta di un brand emergente che sforna molte tipologie di prodotti legati all’ambito del pc gaming.

Abbiamo avuto la possibilità già in precedenza di testare e recensire articoli Gamdias di diverso genere: periferiche da gaming, sedie o alimentatori.

 

Oggi nello specifico abbiamo a che fare con l’Astrape M1 da 750W, modello economico ma interessante della linea di alimentatori Gamdias.

L’Astrape M1 ci ha lasciato sorpresi poiché riesce ad un prezzo stracciato ad offrire features interessanti ed al contempo una discreta qualità delle componenti.

L’alimentatore è presente in sole due versioni nella linea di efficienza 80 plus bronze: quella da 650W e un’altra da 750W.

 

Recensione Gamdias Astrape M1-750W • Unboxing e cavetteria

Gamdias-Astrape-M1-750W-RGB

All’interno della confezione, come chiaramente visibile nella nostra video recensione non troviamo in realtà molto: oltre al corpo dell’alimentatore c’è poi il cavo di collegamento alla presa di corrente, delle fascette e null’altro.

Trattandosi di un alimentatore non modulare ne consegue che tutti i cavi siano già collegati di default perciò non troviamo altre particolari componenti nella scatola.

 

La cavetteria uscente dall’alimentatore comprende:

  • cavo di alimentazine CPU 4+4 pin
  • cavo alimentazione mobo 24 pin
  • 2 cavi PCI Express 6+2 pin
  • cavo con 3 connettori SATA
  • cavo con 2 connettori SATA, 2 connettori MOLEX e connettore floppy disk

 

La scatola ,di bell’aspetto, riporta inoltre sui lati e nel retro le specifiche tecniche dell’alimentatore che approfondiremo nella prossima sezione.

 

Recensione Gamdias Astrape M1-750W • Specifiche tecniche

Gamdias-Astrape-M1-750W-RGB-recensione

Come già detto in precedenza il Gamdias ASTRAPE M1 è un alimentatore non modulare che si colloca in una fascia di prezzo facilmente raggiungibile da chiunque.

Inoltre questo modello è dotato anche di una ventola da 120mm RGB con ben 26 effetti d’illuminazione tra colori statici e giochi di luce differenti.

I cavi dell’alimentatore non sono minimamente sleevati e risultano piuttosto antipatici alla vista, tuttavia non possiamo pretendere granché sotto questo punto di vista per un PSU entry level.

Il cable management risulta perciò impossibile a causa della non modularità.

 

L’etichetta 80 plus bronze ci assicura che l’alimentatore Gamdias arriverà fino ad un efficienza dell’85%.

Sono presenti tutti i sistemi di sicurezza della circuiteria che proteggono il sistema da sovratensioni, spegnimenti improvvisi e quant’altro, per approfondire prendi visione dell’etichetta.

Il PFC è ovviamente attivo come in ogni alimentatore che si rispetti.

 

L’alimentatore Gamdias Astrape M1 presenta inoltre la funzione chiamata “Silent mode” che permette al PSU di fermare la ventola da 120mm quando il carico sarà trascurabilmente basso.

Questa può essere attivata semplicemente tramite l’apposito switch collocato nel lato posteriore del prodotto e farà a pieno il suo dovere.

Al fianco di esso troveremo anche lo switch RGB per selezionare la modalità di illuminazione RGB tra le 26 disponibili.

silent-mode-Gamdias-Astrape-M1-750W

Gli switch per la gestione della “silent mode” e dell’illuminazione RGB.

Gli interni dell’alimentatore non sono di particolare brillantezza: non possiamo tuttavia pretendere nulla trovandoci in una fascia di prezzo ancora lontana dalle 3 cifre decimali.

La piattaforma dimostra una distribuzione di 720W sulla rail da 12V che va quasi a saturare la potenza complessiva del prodotto.

Gli interni sono “fasciati” correttamente per prevenire problematiche di coil whine.

Il condensatore principale è un TEAPO da 390 micro Farad ed una temperatura operativa di 85°, il brand produttore è Taiwanese ed è affidabile seppur non raggiunga le performance dei più costosi condensatori giapponesi top tier.

Recensione Gamdias Astrape M1-750W • Specifiche tecniche

 

Gamdias Astrape M1-750W • Galleria fotografica

Gamdias-Astrape-M1-750W-RGB-silent-mode Gamdias-Astrape-M1-750W-RGB-reviewGamdias-Astrape-M1-750W-RGB-alimentatoreGamdias-Astrape-M1-750W-RGB-120mm-fan

 

Gamdias Astrape M1-750W • Considerazioni generali & Design

recensione alimentatore Gamdias-Astrape-M1-750W-RGB-

L’alimentatore GAMDIAS Astrape M1 si comporta bene quando chiamato in causa.

Nessuna problematica particolare né durante il funzionamento e né sotto sforzo.

Veramente molto bene per quanto riguarda le impostazioni di illuminazione RGB e la silenziosità della funzione silent mode.

 

Il design è curato bene e l’alimentatore non ha molto da invidiare ai suoi competitors specialmente quando acceso.

L’Astrape M1 è un alimentatore di fascia medio-bassa ma comunque affidabile e con una discreta efficienza.

Sarei dell’idea di puntare piuttosto al modello con efficienza Gold pur di sacrificare qualche spicciolo in più.

E’ anche importante verificare se effettivamente ci servono tutti questi 750W oppure vogliamo semplicemente abbondare.

In tal caso potrebbe essere un’ottima idea puntare ad un 550W o 650W con efficienza Gold sempre di Gamdias che è dotato oltretutto di una piattaforma migliore e più potente.

 

Alimentatore che passa tranquillamente la soglia dell’affidabilità e possiede un rapporto qualità-prezzo non indifferente.

Recensione Gamdias Astrape M1-750W • Alimentatore RGB 80 plus Bronze ultima modifica: 2019-07-10T07:17:03+02:00 da Luca Storia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *