Guide informatiche

Come cablare un cavo ethernet RJ45 • Guida

Come cablare cavo ethernet RJ45

Quando si tratta si connessioni Internet cablate, capita spesso di non avere nelle vicinanze una presa RJ45 dove poter connettere PC o altri dispositivi. Potrebbe essere necessario dunque acquistare un cavo ethernet piuttosto lungo o cablare l’impianto di casa per portare Internet nella stanza desiderata, senza avere dei cavi sparsi in giro per la casa.

Ebbene, in questa guida di MiglioriPC.it ti spiegherò passo dopo passo come cablare e crimpare un cavo ethernet RJ45, in modo tale da poter sfruttare al massimo la tua connessione di rete in base alle tue esigenze.

Cos’è un cavo RJ45 e come è fatto

Prima di cominciare, ci tengo a darti un’infarinatura generale su cos’è un cavo RJ45 e come è fatto.

Un cavo o porta RJ45 permette di collegare qualunque dispositivo sia dotato di questo ingresso alle reti informatiche e internet. La sigla RJ sta per “Registered Jack“.

Questi cavi sono realizzati in rame o in particolari leghe metalliche, e seguono uno schema 8P8C, cioè 8 posizioni e 8 contatti di colore diverso.

Negli anni questa tecnologia è migliorata parecchio, permettendo di trasportare il segnale di rete a velocità sempre più superiori, tant’è che al giorno d’oggi esistono cavi di rete di categoria differente. Lo standard più diffuso (soprattutto in ambito domestico) è il Cat 5.

Come cablare e crimpare un cavo ethernet RJ45

Per poter cablare e crimpare correttamente un cavo RJ45, prima di tutto, bisogna sapere a che scopo verrà utilizzato, in modo tale da utilizzare la lunghezza e la qualità del cavo necessari.

Una volta stabilito ciò, possiamo buttarci nel cuore di questa guida, partendo dall’occorrente necessario per poter realizzare un cavo ethernet fatto in casa.

Occorrente

Per il cablaggio di un cavo ethernet, avrai bisogno della seguente attrezzatura:

  • Cavo ethernet: scegli la matassa di cavo ethernet in base alla lunghezza e alla categoria a te necessaria
  • Due connettori RJ45: i due connettori da inserire su entrambe le estremità del cavo ethernet che permettono il collegamento a PC e altri dispositivi
  • Forbici: utili per spelare i cavi di rete. Meglio se da elettricista
  • Pinza crimpatrice RJ45: fondamentale per fissare i cavi rete al connettore RJ45.

Puoi reperire facilmente tutta l’attrezzatura indicata in un negozio fai da te o su Internet.

Procedimento

Per prima cosa, taglia la quantità di cavo ethernet di cui hai bisogno. Successivamente, con l’aiuto delle forbici, taglia un pò della guaina protettiva in ogni filo del cavo di rete, lasciando scoperto un pò di rame (un paio di centimetri dovrebbero bastare), in modo del tutto simile a come faresti per un cavo per la corrente elettrica. Cerca di essere delicato e preciso al tempo stesso, in modo tale da non rovinare il cavo e dover ricominciare da capo.

A questo punto, bisogna separare e riordinare i fili colorati secondo un preciso schema. Affinchè possano funzionare, i cavi RJ45 seguono due schemi differenti a seconda dell’utilizzo:

  • Se intendi creare un cavo dritto, cioè adatto per collegare un dispositivo direttamente al modem router, la sequenza dei colori dei cavi deve essere la stessa su entrambe le estremità
  • Se intendi creare un cavo incrociato, cioè adatto per connettere direttamente due dispositivi, bisogna fissare i cavi in ordine differente da un capo all’altro.

A seconda del cavo che intendi realizzare, fai riferimento alla seguente immagine per ordinare correttamente i fili.

Cavo diritto vs cavo intecciato - Cos'è un rj45 e come è fatto

Una volta ordinato i cavi secondo lo schema dritto o incrociato, taglia nuovamente tutti cavi colorati, in modo tale che abbiano tutti la stessa lunghezza. Successivamente, prendi un connettore RJ45 e inserisci delicatamente i cavi colorati al suo interno. Fai in modo che la parte scoperta in rame e una piccola porzione di guaina di ogni singolo cavo colorato arrivi fino in fondo al plug. Assicurati che ciascun cavo sia al di sotto dei pin dorati del connettore.

Adesso, prendi la pinza crimpatrice e inserisci connettore RJ45 nell’apposito alloggiamento. Quando senti un clic, comincia a stringere il connettore fino a quando non sentirai un secondo clic. Se i cavi colorati non escono dal plug e sono ben fissati, allora sei riuscito a cablare e crimpare correttamente il tuo cavo ethernet.

Verifica cavo ethernet

Una volta effettuato il cablaggio del cavo ethernet, non ti resta che verificarne il corretto funzionamento.

Per testare un cavo ethernet, puoi usare un apposito tester per cavi LAN. Tutto quello che devi fare è inserire le due estremità del cavo di rete nelle porte LAN del tester. Il dispositivo segnalerà dunque se il cavo ethernet funziona oppure no.

Se non possiedi un tester per cavi LAN, puoi provare a effettuare il collegamento del cavo ethernet a un qualunque dispositivo dotato di porta LAN e verificarne il funzionamento.

Se il cavo che hai appena creato è destinato a essere utilizzato per un impianto interno, per evitare malfunzionamenti o disturbi, tieni il cavo di rete lontano dai cavi della corrente elettrica, posizionandolo nelle stesse canaline della linea telefonica.

Come cablare un cavo ethernet RJ45 • Conclusioni

Adesso che sei riuscito a cablare correttamente un cavo ethernet, potrai sfruttare al meglio la connessione Internet, realizzata su misura per il tuo dispositivo.

Se invece hai avuto difficoltà durante la procedura, non esitare a chiedere al team di MiglioriPC.it, lasciando un commento o entrando nel gruppo Telegram.

Marco Barbera

Siciliano dalla nascita e con una passione viscerale per il mondo della tecnologia e tutto ciò che ruota ad esso. Nel tempo libero mi dedico a imparare nuovi concetti dell'informatica e alla lettura di novità del settore, oppure a portare a termine capolavori videoludici.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button