Guide informatiche

Access Point • Cos’è, come si configura e quale scegliere!

Access point - cos'è e come si configura

Se il tuo modem router non riesce a distribuire il segnale WiFi in tutta casa, forse potresti aver bisogno di installare un access point. Ma che cos’è un access point esattamente? Se non ne hai mai sentito parlare, continua a leggere questa guida di MiglioriPC.it

Un access point è un dispositivo in grado di generare una rete wireless, dopo aver stabilito una connessione cablata con il modem router. Questa tipologia di dispositivi dunque, possono aiutarti ad avere una maggior copertura wireless, ciò nonostante, non sono in grado di connettersi direttamente alla linea Internet. Per questo motivo, per funzionare correttamente, devono sempre essere collegati a un modem.

Schema di un access point - access point, cos'è e come si configura

Un access point, dunque, si posiziona in mezzo tra il modem router e i dispositivi connessi ad esso.

Access point • Cos’è? Le caratteristiche e tipologie

Un dispositivo access point per essere definito tale, deve essere dotato di specifiche caratteristiche tecniche. È possibile riconoscere diversi tipi di access point, ciò nonostante, sappi che il funzionamento alla base è identico.

  • Access point POE (Power Over Ethernet): questa tipologia di access point riesce ad alimentarsi grazie all’utilizzo del cavo ethernet RJ45 che, oltre a trasportare dati, porterà anche corrente elettrica al dispositivo.
  • Access point da esterno: seguono il tipico funzionamento di un access point tradizionale, tuttavia, sono pensati per essere installati fuori casa
  • Access point professionali: pensati per le reti aziendali, dunque con tanti dispositivi da connettere. Possono consentire l’accesso solo a determinati utenti, e hanno standard di sicurezza più elevati.

Un Access Point inoltre, può funzionare in modo differente, a seconda delle necessità dell’utente:

  • Root mode: in altre parole, la modalità base di un access point. Il dispositivo è connesso al modem router tramite un cavo di rete, e condivide la connessione tramite il Wi-Fi.
  • Bridge mode: viene stabilita una connessione point to point tra due access point. Viene utilizzata solitamente per coprire grandi distanze, ed è dunque adatta per una rete aziendale.
  • Repeater mode: questa modalità viene utilizzata unicamente per estendere una rete Wi-Fi, senza necessariamente utilizzare altri cavi.
  • Client mode: questa modalità permette di collegare a una rete Wi-Fi anche un dispositivo che non è dotato di una scheda wireless. Basterà effettuare il collegamento via LAN del dispositivo all’access point, che catturerà il segnale wireless per il dispositivo stesso.

Come configurare un access point WiFi

Veniamo ora alla parte più succosa di questa guida, ovvero come configurare un access point. Ebbene, sappi che si tratta di un operazione semplice. Se hai appena acquistato un access point, segui questi semplici passi.

Dal punto di vista hardware, la prima cosa che devi fare è collegare l’access point al modem router, ed eventualmente alla presa di corrente.

Dal punto di vista software, collegati alla rete wireless generata dall’access point (NON del modem router), inserendo le credenziali d’accesso che puoi trovare nel manuale d’istruzioni, o in un’etichetta incollata al dispositivo. Successivamente, dovrai entrare nel firmware dell’access point, individuando indirizzo IP e credenziali d’accesso, in maniera del tutto simile a come faresti per entrare nel modem router.

A questo punto, sei pronto per configurare al meglio il dispositivo, ad esempio modificando la password per accedere alla rete. Per tutto il resto, solitamente ci pensa l’access point stesso a stabilire correttamente una connessione con il modem router. Se così non fosse, t’invito a dare un’occhiata al manuale d’istruzioni del dispositivo per ulteriori informazioni.

Access point WiFi • Quale scegliere? Ripetitore o Powerline?

Arrivati a questo punto, potresti aver deciso di acquistare un access point Wi-Fi, ma quale scegliere esattamente? Devi sapere che nel mondo degli access point esistono i ripetitori Wi-Fi e powerline. Esteticamente possono sembrare identici, ma operano in modo differente.

Un powerline permette di estendere la copertura wireless tramite l’ausilio della rete elettrica. Questi dispositivi sono composti da due adattatori: uno da collegare al modem tramite un cavo ethernet RJ45, e alla presa di corrente, che trasmetterà il segnale Internet tramite la rete elettrica al secondo, da collegare alla presa elettrica dove s’intende amplificare il segnale. Il vantaggio di questi dispositivi consiste nel fatto che non si perde velocità di rete, a patto di avere un buon impianto elettrico.

Un ripetitore wifi estende la copertura Internet attraverso le onde radio. Più il ripetitore si trova lontano dal modem, meno velocità di rete riuscirà a trasportare, nonostante la copertura wireless sia estesa. Questi dispositivi dunque vanno posizionati dove è possibile estendere la copertura Internet, senza perdere velocità di rete.

AVM Fritz! Powerline 1260E

Se sei alla ricerca di un kit access point powerline, il Fritz! Powerline 1260E è sicuramente la scelta più adatta, di cui puoi trovare la recensione completa qui su MiglioriPC.it

Si tratta di un prodotto all’avanguardia e affidabile, in grado di propagare efficacemente la tua connessione Internet senza perdere prestazioni, grazie anche al modulo Wi-Fi AC 5 GHz.

Se non puoi permetterti di spendere una grossa cifra, ma hai comunque la necessità di estendere la tua copertura wireless, il ripetitore Wi-Fi TP-Link RE200 potrebbe fare al caso tuo.

Si tratta di un dispositivo compatto e ben studiato, supporta Wi-Fi di tipo AC, e permette di collegare fino a 32 dispostivi.

Piccola chicca, il dispositivo ha un piccolo led che mostra la potenza del segnale che riceve dal modem. Per circa 30 euro, un buon access point tuttofare.

AVM Fritz! Repeater 1200 AX

Un altro buon ripetitore Wi-Fi che potresti prendere in considerazione è il Fritz! Repeater 1200 AX, proposto dalla casa tedesca AVM.

Tra le caratteristiche più in risalto, spicca la presenza del Wi-Fi AX, l’ultimo standard per le reti wireless. Integra la tecnologia WPS per connettere velocemente nuovi dispositivi, e garantisce un’ottima qualità della connessione, il tutto a una cifra tutto sommato modesta.

Access point • Conclusioni

Adesso che conosci cos’è un access point e come si configura, non avrai alcuna difficoltà a impostare al meglio la tua connessione di rete, ed estendere la copertura wireless.

In ogni caso, se hai ancora qualche dubbio o domanda, t’invito a lasciare un commento e a unirti al nostro canale telegram, dove ti risponderemo il prima possibile.

Marco Barbera

Siciliano dalla nascita e con una passione viscerale per il mondo della tecnologia e tutto ciò che ruota ad esso. Nel tempo libero mi dedico a imparare nuovi concetti dell'informatica e alla lettura di novità del settore, oppure a portare a termine capolavori videoludici.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button